I miei editori

Giunti Editore
Giunti Logo

La Giunti Editore è una delle più antiche case editrici italiane, fondata nel 1497 dalla famiglia omonima. Solo dal 1956 la casa editrice assume il nome attuale e diventa società per azioni. La società ha la sua sede a Firenze, nella Villa La Loggia in via Bolognese, e uffici affiliati a Milano. Alla Giunti fa capo un gruppo comprendente vari marchi e che nel suo insieme si colloca al secondo posto tra i gruppi editoriali italiani per fatturato.


Giorgio Nada Editore

Giorgio Nada

“La vettura più bella e importante è quella che devo ancora costruire”. Parole di Enzo Ferrari, spese a proposito delle automobili realizzate dalla Casa che porta il suo nome. Traslando questa celebre citazione al mondo dell’editoria verrebbe da dire: “Il libro più bello e importante è quello che dobbiamo ancora pubblicare”.
È questa la filosofia che ha spinto e animato la Giorgio Nada Editore in oltre trent’anni di attività. Dai “pionieristici” volumi degli esordi, già all’epoca firmati da grandi giornalisti di settore ma anche da capaci e volenterosi appassionati, alle più recenti pubblicazioni, lo spirito e lo scopo sono rimasti sempre gli stessi: far conoscere e divulgare la storia dell’automobile, della motocicletta e più in generale dei mezzi di trasporto a motore.
Una storia, o meglio, tante storie che si fanno cultura e che raccontano di tecnica, di industria, di imprese sportive ma soprattutto di uomini più o meno noti, tutti capaci di realizzare sogni e di alimentare passioni. Una storia che ci auguriamo di poter ancora raccontare per molti anni.


 

Baldini & Castoldi è un marchio da cui emana una antica nobiltà editoriale. Siamo nella Milano che si trasforma in grande città industriale, che si prepara ai “primi dieci anni del secolo”, a Boccioni, al futurismo, ai cattolici modernisti e al socialismo. La casa editrice viene fondata nel 1897 da Ettore Baldini e Antenore Castoldi – fra i consulenti più attivi il poeta Gian Pietro Lucini – con una sede, prestigiosa, in Galleria Vittorio Emanuele. Caratterizzata dalle copertine illustrate a piena pagina, raggiunge il successo con Piccolo mondo antico di Antonio Fogazzaro e conosce una vera stagione di best seller con i romanzi popolari di Guido da Verona.

Nel 1991 Alessandro Dalai acquista il marchio Baldini&Castoldi, ormai inattivo da una decina d’anni, e ne affida la direzione a Oreste del Buono e Piero Gelli, rilanciandola, anche grazie a titoli italiani come Va’ dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro, Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi e i formidabili romanzi di Giorgio Faletti. Dal 2015 entrano in gioco Michele Dalai e Filippo Vannucini che ridisegnano la mappa dei successi più recenti (fra tutti il Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda) e la fisionomia delle collane. Spiccano una rinvigorita attenzione allo sport, alla musica, al teatro, alla divulgazione scientifica, e naturalmente alle grandi narrazioni (quelle dei giovani narratori e quelle del romanzo di intrattenimento).

Nel giugno 2017 il controllo dell’azienda viene acquisito dalla casa editrice La nave di Teseo. Dal gennaio 2018 nuovo logo ideato da Pierluigi Cerri: accantonata la & commerciale, ha come simbolo il segno “più”: Baldini + Castoldi (anche abbreviato: B + C).